lunedì 20 maggio 2013

Scattiscritti "..è solo un miraggio."



"..è solo un miraggio." foto di Samuele Calamassi



 "La vita è come andare in bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti"
"La vita è come andare in bicicletta..."
...così vai procedi, scansi buche e pozzanghere, con affanno cerchi il liscio. Il dritto ti fa gola, la curva però incalza e la curiosità del dopo quella, t'assale. Guardi la strada davanti a te, pari pare. Ma quando la pedalata prende il suo ritmo la gamba si sforza, il piede spinge. A occhio non vedevi, ma ora senti nei muscoli tesi un altopiano. Si alternano le discese, appena accennate, in picchiata, di quelle che ti ghiacciano addosso il sudore, ti scompigliano i capelli. Quando scendi e riposi è solo un miraggio...

Copyright  tutti i diritti riservati ©




domenica 12 maggio 2013

Pennellate di parole "Le due"



Klimt, Donne in gravidanza

"Le due"

Allungò il collo in cerca del display della sveglia sul comodino di Matteo: l’una. In quegli ultimi giorni faticava a trovare una buona posizione per riposare, era tutto un sonnecchiare fino alla mattina. Quella notte poi, l’odore acre e pungente di diluente misto a colla, usato il giorno prima per il trattamento del parquet nella camera accanto, le chiudeva la gola, le toglieva il respiro.
“Basta, mi alzo, scendo”- pensò- mentre goffa a fatica si alzava da quel letto ora troppo basso. Matteo continuava a dormire. 
Percorse l’ingresso, scese lentamente le scale, e pesante si coricò sul divano. Ma non doveva essere notte per dormire quella. Dopo neanche mezz’ora sentì, avvertì l’urgenza di fare qualcosa, qualcosa che non si poteva rimandare. Guardò l’ora sul display dello stereo: le una e mezzo. Risalì le scale e questa volta si soffermò davanti allo specchio posto in cima, e nonostante gli eventi incalzassero, restò qualche minuto a guardarsi, mettendosi in più pose, chissà quando e se si sarebbe rivista così. Svegliò Matteo che butto l’occhio alla sveglia: le due.



Giorgia era in macchina, aspettava e ascoltava la radio della notte. Genitore in attesa. Marina aveva festeggiato il suo quindicesimo compleanno in un pub. Felice e appagata andava ora incontro a Giorgia, un’occhiata all’orologio: le due. Era stata puntuale.




Copyright tutti i diritti riservati ©




venerdì 3 maggio 2013

Pit Stop "brevissimo.."




"brevissimo..."

 Dovrei ripensarmi un giorno di quelli che si fa silenzio intorno, riascoltarmi nelle pieghe, dirmi quello che non sempre ho il coraggio di dire, riconoscermi convinta la mia sicurezza, e non perdermi a controbattere con chi sbandiera le sue assolute verità. Con me osare, sentirmi migliore, con immensa umiltà…





Copyright tutti i diritti riservati ©